Aprire un chiosco o un negozio sulla spiaggia: che permessi devo avere?

Il sole, il mare, l’allegria, una musica rilassante e dell’ottimo cibo: hai mai pensato che tutto questo potrebbe diventare il tuo nuovo “ufficio”? Con un piccolo investimento puoi aprire un chiosco sulla spiaggia. Ti spieghiamo come fare.

Come diventare titolare di un chiosco 
Puoi acquisire la titolarità di un chiosco o un negozio sulla spiaggia rilevandolo da un venditore oppure prendendolo in affitto. Per avere le informazioni dettagliate sulla procedura da seguire devi però rivolgerti al tuo Comune, in quanto ognuno ha le sue regole riguardo a costruzioni e permessi. Spesso è il settore “Demanio e Patrimonio” ad assegnare le concessioni dei chioschi mediante l’emanazione di appositi bandi; se invece il Comune non li affitta rivolgiti ad un privato. In quest’ultimo caso puoi rilevare un’attività già esistente, pagando al proprietario una cifra che dipende dal suo giro di affari, oppure costruire un chiosco nuovo.

Costruire un chiosco nuovo
In questa situazione i tempi sono un po’ più lunghi perché dovrai far fronte a numerosi adempimenti burocratici. Per prima cosa rivolgiti ad un tecnico per redigere il progetto preliminare del chiosco. In seguito devi sottoporlo all’attenzione del Comune, che valuterà se può essere realizzato o meno nell’area che ti interessa. Se l’esito è positivo contatta una società di costruzioni per far edificare la struttura. Per arrivare in tempo per l’estate devi muoverti con largo anticipo, al massimo entro la fine di febbraio. Infatti per realizzare un chiosco sevono circa 90 giorni, a cui devi aggiungere i “tempi burocratici”.

Quanto costa un chiosco
Se lo affitti dal Comune, le richieste sono annuali (talvolta mediante asta) con rinnovi da 1 e 7 anni. I prezzi si aggirano tra i 15 e i 40 mila euro annui.
Anche i costi di nuova costruzione dipendono da tante cose, ma sono più onerosi e variano generalmente tra i 60 e i 120 mila euro. Tuttavia puoi risparmiare anche molto rivolgendoti a società, come la Screams, che realizzano strutture di dimensioni inferiori e dalla forma particolare ad un prezzo più accessibile che oscilla tra i 6.500 e i 15 mila euro.

Quali autorizzazioni richiedere
Il Comune rilascia 2 tipi di autorizzazioni per diventare titolare di un chiosco. La “A” ti permette di vendere in forma itinerante nella Regione di riferimento e durante le fiere allestite nel territorio nazionale. La “B” ti consente la vendita itinerante in tutta Italia, nelle fiere e nei mercati che momentaneamente inoccupati o in cui risultano posti non assegnati. Ottenuta la concessione dovrai aprire una partita IVA, iscriverti alla Camera di Commercio, all’Inps, all’Inail ed eventualmente alla Sab. L’impegno ripagherà lo sforzo anche economicamente: l’incasso giornaliero medio si aggira sui 300-500 euro. Difficilmente ti mancherà l’ufficio…

cliccalavoro_button (1)

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies