Guardiano del Faro: esiste ancora questo lavoro?

Quante volte osservando un faro a picco sul mare, affascinante ed isolato, abbiamo sognato anche solo per un momento di diventarne i guardiani? Ma davvero esiste ancora questo lavoro?

5) Perché diventare guardiani di un faro?

Chi desidera svolgere questa professione probabilmente è un romantico sognatore, in cerca di una vita tranquilla lontana dallo stress. Un altro buon motivo è godersi una vista su paesaggi unici, fatti di scogliere a picco, onde spumeggianti, mare blu e gabbiani che volteggiano. Una cosa è certa: non si sceglie questa vita per lo stipendio, visto che il guardiano del faro non spicca nella classifica dei lavori più pagati!

4) Esiste ancora questa figura professionale?

In un mondo fatto di tecnologia in continua evoluzione esiste ancora questa professione?
La risposta è si: la modernità non arriva ovunque ed il fattore umano è ancora fondamentale. E’ vero che oggi molti fari sono automatizzati e non richiedono più un’ assistenza continua; tuttavia necessitano di manutenzione elettrica e di interventi ordinari come riparazione del tetto, imbiancatura dei muri, pulizia dei vetri, trattamenti antisalsedine e compilazione del giornale di reggenza. Insomma anche nell’era moderna il farista ha il suo bel da fare!

3) Quali requisiti deve avere il guardiano di un faro?

Formalmente non esistono requisiti specifici: durante il passato questo mestiere veniva tramandato di generazione in generazione, imparandone i segreti direttamente sul campo. Le caratteristiche fondamentali di un farista, infatti, non hanno nulla a che vedere con il titolo scolastico: per fare questo lavoro occorre organizzazione, capacità di adattamento, intuito, intraprendenza ma soprattutto grande passione e forza di volontà. Se a tutte queste abilità si aggiunge un Diploma Nautico il mix è perfetto.

2) Come fare per candidarsi?

Ogni anno aumentano le richieste di aspiranti faristi. L’ iter da seguire però non è dei più semplici.
I fari italiani sono gestiti dalla Marina Militare, che attualmente impiega nel ruolo circa 50 militari e 360 civili. Si può accedere alla professione solo tramite concorsi pubblici, di fatto bloccati da circa 15 anni. Le previsioni tuttavia fanno ben sperare e nei prossimi 5 anni dovrebbe aprirsi un bando per l’inserimento di 20 nuovi faristi. Un numero ristretto per un mestiere d’elite.

1) Turista – farista

Viste le difficoltà nel diventare guardiano del faro per professione si può almeno vivere l’esperienza di turista – farista.
Basta affittare uno dei 10 fari storici della Croazia per calarsi a pieno in questa vita romantica ed affascinante. Le liste di attesa sono lunghe ma ne vale la pena!

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies