Quanto guadagna un’estetista per Unghie?

L’estetista per unghie, detta nail artist, si occupa della loro cura, ricostruzione e decorazione. Questa professione è molto richiesta dal mercato e ti offrirà ottimi guadagni se lavorerai in modo indipendente.

Chi è l’estetista per unghie
Probabilmente avrai delle amiche appassionate di estetica per le unghie che lavorano a casa come nail artist. L’interesse per il settore è infatti cresciuto esponenzialmente nell’ultimo decennio. Di conseguenza aumentano le persone che si ritagliano un secondo lavoro o studiano per aprire un proprio centro, allettate da un mestiere creativo che offre ottimi guadagni. L’onicotecnica, in cui rientra l’estetista per unghie, è una professionista specializzata che si occupa di ricostruire in maniera non invasiva, di applicare e decorare unghie artificiali utilizzando prodotti specifici e particolari tecniche ricostruttive. Il suo obiettivo non è infatti curativo, come quello perseguito da un dermatologo, ma meramente estetico, al fine di abbellire le dita delle clienti.

Come diventare estetista per unghie
In Italia questa professione non è ancora regolamentata a livello nazionale, ma la sua disciplina è demandata alle singole regioni. Finora solo il Lazio ha legiferato in merito, richiedendo la frequenza di un corso di 200 ore presso centri accreditati. Qui otterrai la qualifica di onicotecnica per esercitare la professione. Nelle altre regioni, dovrai prima diventare estetista e poi specializzarti. Questo fattore ha fatto proliferare nel settore il “lavoro nero”. Molte persone evitano di seguire un percorso così lungo e preferiscono lavorare a casa illegalmente. In tal modo danneggiano le estetiste specializzate, che devono sostenere maggiori costi di loro e finiscono per guadagnare meno. In queste regioni il diploma di estetista è indispensabile per lavorare come nail artist: essendo richiesto dalla legge, nessun centro ti assumerà se non ce l’hai.

Lavoro dipendente o indipendente? 
Il lavoro più redditizio è quello delle estetiste per unghie “abusive”: solo guadagni a costo zero, salvo il materiale. Evitalo, perché rischi di essere scoperta dalla Finanza e di danneggiare le unghie delle clienti senza le conoscenze specialistiche. Scarta anche il lavoro dipendente, dove guadagneresti sulle 800-900 euro mensili, come se non ti fossi mai specializzata. Più vantaggioso è il lavoro come freelance per un centro estetico, ma dovrai pagare la postazione. Concorrenza spietata a parte, la soluzione migliore è quella di lavorare in proprio. Per ogni nail art potresti chiedere dalle 70 alle 130 euro, a seconda della qualità del materiale e del tipo di decorazione. Un singolo refill delle unghie (il loro ritocco periodico) ti farebbe guadagnare 30-40 euro in più per cliente ogni 3 settimane. Supponendone uno al giorno per 5 giorni, potresti guadagnare dalle 2.500 alle 4.000 euro al mese. Una cifra da difendere con i denti… e con le unghie!

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies