Come i social possono rovinare la tua carriera

Serve molto tempo per creare un buon profilo professionale sui social ma basta un minuto per rovinare tutto. È sufficiente caricare una foto con un bicchiere di troppo, fare errori di ortografia o criticare la tua azienda on line per essere scartati o, addirittura, licenziati.

Ogni social ha le sue caratteristiche e cela i propri pericoli.

  • Linkedin è il social dedicato all’attività professionale
  • Facebook e Instagram hanno un uso più personale
  • Twitter e Google+ sono social con utilizzo professionale o personale in funzione di chi li usa.

Tutti i social possono essere utili per trovare lavoro…ma anche per perderlo.

Quando ambiamo a un posto di lavoro dobbiamo avere chiara una cosa: come cerchiamo le informazioni relative ad un’azienda online, la stessa azienda lo fa per avere informazioni su di noi.

Per quanto tu possa essere il candidato ideale, se la prima cosa che trovano digitando il tuo nome, è un commento inappropriato, è probabile che tu sia scartato immediatamente.

social

Il 90% delle aziende utilizza i social per eliminare i candidati e il 60% dei candidati è scartato da un processo di selezione solamente per le incaute pubblicazioni su Facebook.

Per questo devi essere sicuro di personalizzare al meglio la configurazione privata dei tuoi profili social, specialmente su Facebook. Per evitare spiacevoli conseguenze, a cosa migliore è andare nel menù di configurazione, cliccare il pulsante ‘privacy’ e assicurarti che solo tu e i tuoi amici possiate vedere ciò che pubblichi.

All’interno di questo menù ci sono tre domande generiche (chi può vedere il mio profilo? Chi può mettersi in contatto con me? Chi può cercarmi?) e diverse domande specifiche. Fai molta attenzione se il tuo profilo è settato come pubblico alla domanda ‘Chi può vedere cosa pubblico da oggi in poi?’. La cosa migliore, per la tua tranquillità, è cambiare la selezione impostandola su ‘amici’. Ti consigliamo anche di limitare la visione dei tuoi post precedenti nella tua biografia.

Se durante l’orario di lavoro sei solito andare sui social e li utilizzi per fini personali e non professionali, ricordati che rischi il posto di lavoro. I licenziamenti a causa dei social sono sempre più frequenti. Alcuni con ragione, come nel caso della ragazza spagnola in mutua per mal di schiena, che ha approfittato della situazione per festeggiare il suo addio al nubilato e fare un viaggio con gli amici. Peccato che le foto sono state caricate su Facebook, con profilo pubblico.

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies