Avere molti tatuaggi: quali problemi possono sorgere in Ufficio?

Il tatuaggio costituisce una passione per molte persone di ogni età. Mostrarlo in ufficio può rappresentare un problema, portando addirittura a rischiare il licenziamento. In questo articolo trovi qualche indicazione sul tema.

5-Il tatuaggio

Il significato di un tatuaggio varia a seconda della figura e della motivazione dell’individuo che se ne fa fare uno, ma il suo effetto in ambito lavorativo può essere dannoso. Il problema principale è mostrarlo, perché in alcuni ambiti si richiedono eleganza e neutralità. Se si desidera avere un simbolo sul proprio corpo per celebrare l’amore, un avvenimento importante o per avere un segno del proprio essere, meglio prediligere parti del corpo sempre coperte.

4-Le norme

In Italia e in Europa non ci sono leggi sui tatuaggi, nessuna norma può impedire la realizzazione di un segno sul corpo, fatta eccezione per gli appartenenti alle forze armate e alle forze dell’ordine. Nel loro caso il divieto è scritto e viene inibito qualsiasi tatuaggio perché rovina la divisa. Per tutti gli altri lavoratori non ci sono regole specifiche, ma a decidere è la politica aziendale di ogni impresa. Meglio prevenire, per evitare di non essere assunti oppure di venire messi alla porta.

tatuaggio

 

3-Le policy delle aziende

Una direttiva del luglio 2012 vieta tatuaggi e piercing per gli uomini in divisa, ma nel settore privato la situazione è diversa. Come accade per il pubblico impiego, le imprese puntano la loro ricerca di personale sulle competenze tecniche, ma in un ristorante, in un albergo o in certo ufficio mostrare un tatuaggio può essere sconveniente. Le aziende preferiscono dare una certa immagine al pubblico, quindi richiedono l’assenza di qualsiasi segno sul corpo.

2-L’interpretazione dei datori di lavoro

Molte persone hanno un tatuaggio sul corpo, soprattutto chi ha un’età compresa tra i 16 e i 35 anni. In passato farsi tatuare significava avere un certo ruolo sociale e religioso, mentre oggi viene considerato un elemento negativo. Si pensa che chi ha un simbolo impresso sul corpo sia atto a delinquere. Ovviamente ciò non è vero, ma l’immaginario comune conta molto anche in ambito lavorativo ed è per questo che si deve cercare di non ostentare i tatuaggi.

1-Accettabile o no?

Meglio presentarsi in azienda con il tatuaggio coperto, quindi se è sul braccio non bisogna portare le maniche corte. Va però precisato che in alcuni casi le imprese accettano tatuaggi piccoli. Spesso in queste situazioni dipende molto da cosa vi è raffigurato. Una piccola nota musicale, una scritta sobria o un fiore possono essere tollerati, mentre chi vanta una vera e propria collezione su tutto il corpo potrebbe trovarsi in difficoltà.

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies