Annunci di lavoro incredibili, come riconoscerli

 

Annunci di lavoro incredibili, come riconoscerlAnnunci lavoro: talvolta i requisiti di accesso sono troppo alti oppure i contratti proposti sono di durata eccessivamente breve, magari per un impiego precario di appena un mese.

Come trovare lavoro oggi

Per trovare lavoro ormai non si ricorre quasi più alla prassi di un tempo, ovvero l’iscrizione alle liste di collocamento.I dati forniti dalle Istituzioni parlano di una situazione del tutto differente dal passato. Basti pensare all’indagine condotta dall’Isfol.

Secondo la recente ricerca un terzo dei candidati trova un impiego grazie alle conoscenze personali e alle amicizie. Solo 3 su 100 trovano un lavoro dai centri impiego. Dunque le selezioni del personale vengono fatte in via preferenziale direttamente dalle aziende, affidandosi alle agenzie interinali oppure alle cooperative di fornitura dei servizi.

Riconoscere gli annunci lavoro anomali

Gli annunci lavoro che si possono consultare sul web, sui quotidiani e sulle bacheche delle agenzie di collocamento pubbliche o private spesso sono anomali. Cercando un impiego vi sarete certamente imbattuti in richieste assurde con parametri di esperienza e di istruzione proibitivi.

Magari vi vengono richieste lauree specialistiche come requisiti fondamentali, per una prospettiva occupazionale precaria o per una mansione che non rispecchia minimamente il vostro bagaglio di competenze e di conoscenze professionali acquisito con lo studio e con l’esperienza.

I dati Istat sono chiari: tra il 2017 e il 2018 su 100 nuovi occupati 95 sono stati contratti a termine, 4 autonomi e solo 1 è stato un contratto cosiddetto fisso. Nella peggiore delle ipotesi vi potreste perfino trovare a fare i venditori porta a porta pensando di candidarvi per fare i consulenti di una grande impresa.

Ciò purtroppo accade molto spesso, soprattutto perché le aziende non scrivono mai la dicitura esplicita del venditore porta a porta ma ricorrono a giri di parole, proprio per raccogliere un numero maggiore di aspiranti.

Consigli utili

Un valido suggerimento consiste nella verifica preventiva dell’affidabilità dell’azienda, cercando in rete alcune informazioni reperibili tramite nome, indirizzo e numero di telefono che vengono forniti come contatti. Candidarvi su più annunci lavoro è corretto?

La trappola del lavoro diverso dall’inserzione è dietro l’angolo. Anche le aziende infatti sanno benissimo che un disoccupato tende a cercare lavoro quasi ossessivamente. Dunque sfruttano proprio la poca chiarezza che si genera con le candidature multiple. Vi ricontatteranno e potranno spiazzarvi invitandovi a un colloquio senza però dare riferimenti chiari sulla tipologia di lavoro.

cliccalavoro

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *