Certificazioni di lingua inglese: quale scegliere?

A meno che non si voglia guadagnare senza fare nulla, oggi per lavorare sia in ambito pubblico che privato è indispensabile conoscere l’inglese sia scritto che parlato. La conoscenza della lingua inglese è infatti una delle prime domande e anche la più frequente che viene posta in sede di colloquio di lavoro.
La conoscenza pratica di una lingua non è sufficiente: è necessario dimostrarla attraverso delle apposite certificazioni riconosciute a livello nazionale e internazionale.

Pixabay.it

Certificazioni lingua inglese riconosciute dal MIUR

Le certificazioni di lingua inglese riconosciute dal MIUR sono degli attestati approvati dal Ministero dell’Istruzione e a livello internazionale con i quali si dimostra, in maniera ufficiale, la conoscenza di una lingua. I livelli di conoscenza sono 3:
– che è il livello base e che si suddivide in A1 e A2. Per ottenere quest’ultimo è importante dimostrare di conoscere più espressioni e di avere un vocabolario più ampio rispetto a quello richiesto per l’A1;
– che è un livello intermedio e che si distingue, a sua volta, in B1 e B2. Con il B2 si riesce a dialogare in maniera fluente di qualsiasi argomento e comprendere testi anche complessi;
– è il livello di padronanza della lingua e anch’esso si distingue in C1 e C2. Quest’ultimo è l’ultimo livello di inglese e viene definito bilingue. Un madrelingua inglese con un eccellente livello di educazione scolastica può tecnicamente appartenere al livello C2.
Tra gli enti certificatori riconosciuti dal Miur rientrano l’English Speking Board, Cambridge Assessment English, LanguageCert Suite 10, Trinity College London e l’International English Language Testing System.

Certificazioni lingua inglese riconosciute a livello internazionale

A livello internazionale esistono ulteriori certificazioni che si possono ottenere durante il percorso scolastico obbligatorio o frequentando l’Università: KET ( Key English Test) per il livello A2, PET (Preliminare English Test) per il livello B1, FCE (First Certificate English) per il livello B2, CAE (Certificate in Advanced English) per il livello C1 e CPE (Certificate of Proficiency in English) per il livello C2.
I corsi vengono tenuti da professori qualificati e ogni candidato può avvalersi di lezioni frontali o online ed esercitazioni volte a verificare la comprensione della lingua inglese parlata e scritta. In questo modo ognuno può acquisire progressivamente maggiore dimestichezza ed essere più sicuro di sé stesso. Decidere di attestare la conoscenza dell’idioma attraverso le certificazioni lingua inglese comporta sicuramente un certo impegno ma offre anche l’opportunità di possedere un attestato riconosciuto a livello internazionale ed estremamente utile a livello lavorativo, qualunque sia il settore a cui si decida professionalmente di puntare.

Pixabay.it

Certificazioni lingua inglese: quale scegliere?

Non esiste una certificazione migliore delle altre. Esiste però la certificazione più adatta in base all’obiettivo che desideri raggiungere. Per gli studenti di scuole superiori e diplomati che desiderano prepararsi per iscriversi a corsi di laurea di respiro internazionale può essere utile una certificazione Cambridge o Trinity. Per gli studenti universitari o laureati e per chi vuole seguire un master o lavorare all’estero ci sono anche il TOEFL o l’IELTS. Esistono poi delle certificazioni di inglese specialistico fra cui ad esempio il Test of Legal English Skills (Toles) dedicato all’inglese legale e quindi ideale per avvocati e studenti di giurisprudenza, e così via. Non è semplice scegliere la migliore certificazione di inglese. Per questo è importante farsi guidare da un esperto in grado di individuare il percorso di studio e l’esame di certificazione adeguati al raggiungimento dei propri obiettivi.

Rimani sempre aggiornato sul mondo del lavoro: tante offerte e consigli, iscriviti subito!

cliccalavoro_button (1)