Decreto Sicurezza, tutte le novità per le Forze dell’Ordine

Decreto Sicurezza

Il Decreto Sicurezza prevede importanti novità anche per le Forze dell’Ordine. Ci sono però alcuni aspetti che vengono giudicati negativamente: al sovraccarico di compiti e di mansioni non corrisponderebbe un aumento delle retribuzioni.

Le principali perplessità di operatori e sindacati

Il Decreto Sicurezza recentemente approvato dal Parlamento è stato ribattezzato Decreto Salvini, a testimonianza del fatto che si è trattato di un vero e proprio cavallo di battaglia per il politico leghista che su questi argomenti ha costruito gran parte del consenso elettorale.

La normativa riguarda moltissimi ambiti e tra questi va a toccare anche la regolamentazione dei contratti per le Forze di Polizia. Ovviamente il Decreto è stato attentamente analizzato anche dalle parti sociali. Il Siap, sigla sindacale interna a questo settore, ha messo in evidenza alcune criticità. La prima cosa che è stata posta all’attenzione dell’opinione pubblica riguarda il sovraccarico di mansioni.

Generalmente quando c’è un incremento del lavoro  deve sempre corrispondere un progressivo e analogo aumento economico. Invece, a detta del Siap, le responsabilità per gli Agenti sono notevolmente aumentate ma la paga non ha avuto le stesse fortune. Sono stati stanziati 5 milioni di euro da destinare ai correttivi e al cosiddetto riordino delle carriere ma tutto ciò non sarebbe sufficiente.

Decreto sicurezza e Forze dell’Ordine

La tematica inerente al contratto collettivo non è l’unica a tenere banco nella discussione sul Decreto Sicurezza. Infatti alle Forze dell’Ordine vengono dati molti più compiti rispetto al passato. I rinnovi contrattuali tuttavia servono, oltre che a garantire ai lavoratori di mantenere il potere d’acquisto, anche a fissare la quota spettante per gli straordinari e per il pagamento delle ore sul turno notturno.

Limitare i fondi e non considerare che maggiore sicurezza significa anche più ore di lavoro notturno vorrebbe dire rinunciare a pattugliamenti necessari proprio per garantire la sicurezza della cittadinanza. Ma le perplessità non finiscono qui. L’aumento dei controlli all’interno degli stadi in occasione di partite di calcio, eventi sportivi e concerti andrebbe maggiormente valorizzato anche dal punto di vista economico.

Il tema dell’immigrazione

Nel Decreto Sicurezza il tema dell’immigrazione è stato un argomento fondamentale. Il Siap si è dichiarato favorevole a una gestione più stringente del fenomeno, a differenza di altre sigle sindacali che sono state critiche. Però su una cosa convergono quasi tutti i sindacati, ovvero che senza l’integrazione si rischia la ghettizzazione di interi gruppi di persone. Alle Forze di Polizia non spetta soltanto il ruolo della repressione ma anche quello del controllo e della prevenzione, ambiti per cui occorrono specifici investimenti.

cliccalavoro