Imparare le lingue, l’età giusta fino ai 17-18 anni

cliccalavoro_button (1)

Oggi, nel mondo della globalizzazione e del lavoro conoscere più lingue è ormai fondamentale, sia che si voglia rimanere in Italia o che ci si voglia trasferire all’estero. Non a caso una delle prime cose richieste da chi offre un lavoro è la conoscenza fluente di una seconda lingua (perlopiù l’inglese ma non si disdegnano neanche francese, spagnolo, arabo e cinese).
È vero che non è mai troppo tardi per imparare un nuovo idioma ma esistono delle età in cui questo avviene in maniera più semplice e rapida, arrivando a parlare come un madrelingua.

Imparare le lingue: qual’è l’età giusta
Avete mai conosciuto il figlio di una coppia mista? Bambini, talvolta anche piccolissimi (3-4 anni), che parlano benissimo entrambe le lingue dei loro genitori riuscendo, nello stesso discorso, a passare da un idioma all’altro senza alcun problema.
Sicuramente sono bambini che impressionano ma non si tratta certo di bambini prodigio.
In realtà da piccolissimi si apprende di più e molto più facilmente. Diventare bilingue è quindi possibile se si viene sottoposti sin dalla prima infanzia all’apprendimento di due lingue contemporaneamente.
Non è necessario essere dotati di un quoziente intellettivo sopra la media e, soprattutto, non è detto che solo i figli di persone di nazionalità diversa ci riescano.
Il nostro sistema scolastico sta cercando di adeguarsi a queste nuove necessità insegnando ai bambini almeno una lingua straniera, sin dalla scuola primaria.
Inoltre, non bisogna spaventarsi pensando di creare confusione, chi ha la possibilità deve iniziare ad insegnare ai propri figli una lingua straniera anche prima dei 3 anni, se si vogliono avere risultati soddisfacenti.

Imparare le lingue: limite d’età
In base ai dati di uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts Institute of Technology, pubblicati sulla rivista Cognition e ripresi dal Times, è quasi impossibile raggiungere un livello elevato di conoscenza e fluidità di una lingua se si inizia ad impararla dopo i 10 anni.
Ciò ovviamente non vuol dire che dopo questa età si riduce drasticamente l’apprendimento ma solo che non si potranno raggiungere vette da madrelingua.
La diminuzione invece delle abilità linguistiche ha luogo intorno ai 17-18 anni e questo, secondo il professor Joshua Hartshorne (coautore dello studio), potrebbe essere causato da cambiamenti nello stile di vita oppure dalla scarsa volontà di avventurarsi nell’apprendimento di nuove discipline.

cliccalavoro_button (1)