Lacrima facile? In realtà è segno di forza

 

cliccalavoro_button (1)

Le lacrime sono da sempre considerate un segno di fragilità e di incertezza emotiva. Ti commuovi facilmente? È il sintomo inequivocabile dell’empatia, della capacità d’immedesimazione nelle situazioni, del carattere estroverso e sicuro.

I sentimenti forti
La sfera dei sentimenti è una dimensione particolare che spesso nasconde l’esatto contrario di ciò che si vede con una lettura superficiale del carattere di una persona. Infatti riuscire a provare sensazioni forti non è automaticamente sintomo di debolezza. Anzi, gli studi scientifici dimostrano che partecipare attivamente a un sentimento forte ed essere capaci di immedesimarsi nelle circostanze sono qualità positive.

Ti commuovi facilmente?
Le situazioni della vita quotidiana comprendono certamente anche gli eventi negativi. Ti commuovi facilmente? Non c’è nulla di cui preoccuparsi. Le emozioni sono del tutto naturali ed è altrettanto normale avvertire su se stessi l’impatto emotivo che un’analoga questione produce sugli altri. Piangere non è sinonimo di debolezza. Se vi stanno raccontando una vicenda estremamente drammatica sarebbe casomai strano il contrario, ovvero rimanere insensibili.

Piangere di fronte a un film drammatico
Andando al cinema vi potete imbattere in una scena cosiddetta strappalacrime, cioè una circostanza in cui gli attori si ritrovano ad affrontare un evento di tipo luttuoso oppure un’enorme difficoltà. Sentirsi avvolti e coinvolti nello schermo del cinema è il più grande classico degli spettatori. Un film fatto bene colpisce il cuore e la mente della platea che lo guarda, facendo rimanere tutti appiccicati alla poltrona come se stessero vivendo quelle scene drammatiche in prima persona.

L’inchiesta scientifica sul pianto
L’università californiana di Claremont ha elaborato uno studio molto interessante sul pianto facile. Alle persone che si sono prestate a questa indagine statistica è stato proposto l’ascolto di vicende narrate da genitori che descrivevano gravissime malattie dei propri figli. Ovviamente la discussione ha suscitato emozioni intense che spesso sono sfociate in un pianto partecipato. Successivamente gli stessi individui sono stati interrogati su altri argomenti, all’apparenza completamente distinti come il lavoro e il denaro. La scoperta sensazionale è che coloro che piangevano più facilmente si sono poi rivelati i più generosi e i più sicuri di se stessi, a dimostrazione del fatto che pianto e fragilità emotiva non sono affatto direttamente proporzionali.

Generosità e sicurezza
Ti commuovi facilmente? Alla luce delle inchieste scientifiche è il sintomo di un carattere forte grazie al quale è possibile riuscire ad affrontare meglio degli altri le circostanze stressanti e complesse. Il contatto e la partecipazione alle emozioni altrui si traducono in una mentalità notevolmente più aperta.

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *