Love contract, come regolare gli amori in ufficio: ecco come funziona

cliccalavoro_button (1)

Le relazioni tra dipendenti possono creare problemi in ufficio legati a relazioni finite o che semplicemente non funzionano. Molte aziende per evitare problemi hanno inserito nel codice disciplinare interno il Love Contract, ecco come funziona.

Amore in ufficio: frequente ma pericoloso
Parlare di Love Contract o meglio contratto di amore può sembrare un modo erroneo di gestire le relazioni, in realtà è una sorta di tutela per i dipendenti che potrebbero essere pressati da avance. Se anche voi passate molte ore in ufficio sapete che questo ambiente porta spesso alla nascita di relazioni che vanno oltre il lavoro. Il 41% dei dipendenti afferma di aver avuto almeno una volta una storia con un collega e una relazione su tre sfocia in un matrimonio, ma cosa succede quando l’amore finisce? Le aziende per evitare disagi hanno provato a disciplinare i rapporti per evitare che disguidi personali possano rendere l’ambiente di lavoro poco gradevole.

Love Contract per i dipendenti Facebook
Tra le aziende che hanno fatto discutere per le clausole vi sono Facebook e McDonald’s che sull’onda del movimento MeToo e Gender Equity  che si battono contro le pressioni nel mondo del lavoro esercitate dal “potente” di turno sui sottoposti e le discriminazioni basate sul sesso o sull’identità sessuale, hanno imposto severe regole.
La particolare regola di Love Contract inserita da Facebook prevede che si possa chiedere a un collega di uscire, ma se la risposta è negativa, non si può provare di nuovo. Le risposte ambigue, ad esempio: sono impegnato o stasera non posso, devono essere interpretate come negative, quindi se si riceve una di queste, deve essere considerata alla stregua di un no. I dipendenti Facebook non hanno l’obbligo di dichiarare la relazione al datore di lavoro, se non nel caso in cui possa esserci un conflitto di interessi tra le parti a causa del rapporto di sottoposto/dirigente.

Love Contract di McDonald’s
Molto severo è il Love Contract di McDonald’s che prevede il divieto di guardare insistentemente un collega e di raccontare barzellette erotiche. Questi sono solo esempi, in realtà negli Stati Uniti il Love Contract, disciplinato in vari modi, è applicato da ben il 51% delle aziende. Le regole dovrebbero scoraggiare comportamenti che potrebbero diventare vessatori tra chi si trova in posizione di comando e coloro che invece sono subordinati, chissà che anche la vostra azienda non stia già pensando a un contratto per disciplinare le relazioni tra dipendenti

cliccalavoro_button (1)